Ricerca per marca
pixel_trans
pixel_trans

Newsletter
pixel_trans
Vostro domanda
Price
Service
Choice
Advice

672 Voti
[ Risultati ]
pixel_trans
 SEGUICI SU      scubaland sub, pagina facebook attrezzatura subacquea  
» » » L’erogatore sub: come scegliero
Esporta PDF  Esporta PDF


Come scegliere il tuo erogatore sub

L’EROGATORE SUB: COME SCEGLIERLO ? 

Come scegliere il tuo erogatore sub ? La scelta del vostro erogatore sub è determinato da diversi criteri: il vostro livello, le vostre condizioni di immersione, ma ugualmente il vostro budget. L' erogatore sub è una parte fondamentale nell’equipaggiamento di un subacqueo ! 

 

L’erogatore sub pistone o membrana ?

 

Sappiate che un erogatore sub con membrana, è teoricamente più performante e necessita pocca manutenzione, il meccanismo essendo preservato al centro grazie alla membrana . Nel caso di un immersione in acque sporche, privilegiate un erogatore sub con membrana. L’erogatore sub con pistone, ha per vantaggio principale una meccanica semplice e facile da smontare e revisionare.

 

L’erogatore sub compensato, non compensato ?

 

Oggi potete trovare un erogatore sub non compensato come il detentore sub Calypso Aqualung, erogatore compensato 1 stadio solo, erogatore compensato 1° e 2ndo stadio, come l’erogatore Legend Aqualung. Un erogatore da immersione compensato permette di mantenere la pressione media costante a secondo la profondità o il volume rimasto nella vostra botiglia. Esso vi permettera di ottenere un comfort migliore per le immersioni più profonde. Riassumendo, più salite in gerarchia nel vostro corso di immersione, più scenderete e apprezzerete l’erogatore di immersione compensato.

 

Erogatore da immersione per acque fredde ?

 

Quel tipo di erogatore, come il detentore da immersione XTX 50 Apeks, è fatto per rispettare la norma EN250, che imporre a tutti gli erogatori destinati per le acque di meno di 10°C, di funzionare durante 5 min con una pressione assoluta di 6bar in un acqua al massimo di 4°C.

 

Per evitare la formazione di brina, quel tipo di erogatore puo aver una camera secca supplementare (riempita d’aria, d’olio o di sillicone) e/o alette che funzionano come un “radiatore”. I fabbricanti fanno in modo che la dispozizzione dei pezzi nel primo stadio dell’erogatore permettono di limitare la formazione di brina delle parti critiche. Alcuni erogatori hanno dei rivestimenti o dei materiali speciale per favorire gli scambi termici (metallo ad esempio).

 

I vantaggi di un erogatore subacqueo:

 

Un erogatore, come il MK25/A700 della Scubapro, propone un regolatore per lo sfrorzo respiratorio (in più dell’effetto Venturi): un vero vantaggio per quanto riguarda il comfort ! Un erogatore si differenzierà grazie al numero di uscite Media Pressione e soprattutto Alta Pressione.

Erogatore subacqueo con Din o Staffa ?

Per la sua propria protezione, l’erogatore subacqueo con staffa ha una connessione meno precisa che l’erogatore din, e puo tradursi con piccole perdite d’acqua. Altrove, su quel tipo di erogatore le vite sono proeminenti all’indietro, e quindi c’è un rischio di scontro o di urto, rischiando di portar via l’erogatore subacqueo. Il sistema con staffa è fatto per reggere sino a 235bar.

 

Su un sistema Din, il guarnizione si trova sul primo stadio dell’erogatore all’estremità della vita.

 

Su un sistema Din, il giunto si trova sul primo stadio dell’erogatore all’estremità del passo di vite. Daltronde, il conttato tra il giunto e i raccordi del blocco si fa dopo aver avvitato il primo stadio dell’erogatore. Non ci sono rischi di posizionamento di traverso, l’impermeabilità è perfetta. L’erogatore Din esiste in 200 o 300 bar. E’ diverso grazie alla lunghezza della vite che è più lungha sul DIN 300 bar. Quindi è possibile di avvitare un DIN 300 bar su raccordi di 200 bar, ma il contrario è impossibile.

 

Degli adattatori rapidi per raccordi con staffa esistono per un erogatore subacqueo di tipo Din. Il contrario necessita la creazione di un kit di trasformazione in laboratorio.